• Monica

Catalogo 2021 - Mod. 1 Toile de Jouy

Abbinamenti, storia, stili e consigli Da dove nasce l'ispirazione per progettare un nuovo coordinato grafico? Nel caso del primo modello del Catalogo 2021 è stato tutto molto semplice e immediato: dalla mia enorme e sconfinata passione per un tessuto, il Toile de Jouy appunto.


Ed ecco che ho deciso di presentarvelo e di farvi scoprire qualcosa in più...

Un po' di storia...


La tela Toile de Jouy, detta anche indienne, fu creata nel 1760 nel piccolo laboratorio tessile di Christophe Philippe Oberkampf, a Jouy-en-Josas, vicino a Versailles.


Amatissimo da Maria Antonietta e da Giuseppina Bonaparte, questo tessuto deve tutta la sua fama soprattutto ai suoi motivi decorativi, che prendono spunto da scene galanti e pastorali, dai quadri di Fragonard e da esotismi e chinoiseries molto richieste e in voga all'epoca.


In origine, i disegni erano realizzati a mano, utilizzando timbri di legno intagliato, tinto e impresso sul cotone, che veniva lavato e rilavato più volte nel vicino fiume Bièvre, conosciuto per le qualità chimiche delle sue acque. Soltanto alcuni anni dopo, le tavole di legno saranno sostituite da lastre di rame più flessibili e che consentivano di aumentare e meccanizzare la produzione.


I disegni erano (e sono) per lo più monocromi: le tonalità più utilizzate vanno tutt'oggi dal blu, al rosso o bordeaux, al verde su sfondo color ecru o seppia, ma non sono rare anche altre declinazioni di colore che vanno dal rosa, all'azzurro sino al grigio. Alcune varianti propongono poi uno sfondo a righe o con tonalità a contrasto.


Imitate, adattate ai tempi, rivoluzionate e utilizzate ovunque, dalla moda ai tessuti per la casa e l'arredamento... dopo secoli questa tela è immediatamente riconoscibile e conserva ancora tutto il suo fascino.

Ma come utilizzarla in una Wedding Stationery e inserirla nello stile del proprio matrimonio?


Io ho pensato di proporla come elemento decorativo, abbinata a 4 layout interni differenti, ma molto semplici: ecco quindi che viene valorizzata se stampata su carta glassina semitrasparente e usata come guscio, a contenere i cartoncini della partecipazione, dell'invito e del RSVP o Lista Nozze.


Un dettaglio raffinato ed elegante, chiuso da un sigillo in ceralacca color bronzo antico, che riprende i disegni dei rami e della vegetazione raffigurata nelle scene campestri.

Si tratta di un tocco originale, adatto ai matrimoni più formali, ma anche a quelli celebrati in campagna, in un'atmosfera bucolica e sospesa nel tempo.


E ancora: la fantasia Toile de Jouy può essere stampata su carta vergata (ad esempio, con piccole righe a rilievo, o con effetto "martellato", entrambe proposte da Catalogo), così come su carta artigianale e impreziosire l'interno delle buste (liner).

Ad esempio, trovo bellissimo l'abbinamento con le buste artigianali realizzate a mano, dalla finitura porosa e i bordi irregolari; sono accessori dalla texture preziosa, con fibre di lino e cotone al loro interno.


[Nel Catalogo 2021 sono disponibili in 12 tonalità diverse!]


Suggerimenti di stile


Nell'attesa di poter tornare al più presto a celebrare e festeggiare i matrimoni che tutti noi sogniamo, puoi richiedere qui il Catalogo MOMO WED con tutte le mie nuove proposte o contattarmi all'indirizzo: infomomowed@gmail.com A presto con nuove ispirazioni!