top of page
  • Immagine del redattoreMonica

Come intestare le buste degli inviti

Aggiornamento: 14 nov 2023

Che cosa scrivere sul retro delle buste delle vostre partecipazioni?


Bene, siete a un ottimo punto: avete ormai definito la grafica dei vostri inviti, scelto gli eventuali accessori e perfino il colore delle buste. Avete anche programmato - calendario alla mano - quando inizierete a consegnarli... ma c'è un dubbio che vi attanaglia all'improvviso:


"Che cosa dobbiamo scrivere sulle buste?"

Quali sono le regole più importanti da seguire, per evitare fraintendimenti con gli ospiti? Prima di tutto, è bene rivedere la lista degli invitati un'ultima volta e aggiornare un file Excel con tutti i nomi e cognomi corretti: anche se, come vedremo dopo, non sempre si sceglierà di adottare la formula dell'intestazione completa, è utile per voi avere sott'occhio un elenco chiaro e puntuale.

Buste partecipazioni

Scrivere correttamente le buste degli inviti è un momento fondamentale, per scongiurare che qualcuno possa sentirsi escluso o, viceversa, che un membro di una famiglia si consideri invitato, quando magari non è così! Ecco perché è necessario essere molto, molto chiari nello specificare i destinatari della partecipazione sulla busta.

Vediamo come. Di norma, la tradizione vorrebbe che tutti i nomi siano preceduti da Gentilissimo/Gentilissima/Gentilissimi

(preferibilmente nella forma estesa e non abbreviata, spesso seguiti da Signore/Signora/Signori): lo so, suona decisamente pomposo e può capitare che non ve la sentiate di utilizzare questa formula con i vostri amici o con persone giovani e poco inclini a queste formalità...poco male, potete optare per la scrittura dei soli nomi per esteso, accompagnati o meno dal cognome in base al grado di vicinanza.


Una regola ferrea e assolutamente da rispettare è invece quella che vieta in ogni caso l'uso dei titoli di studio, professionali o onorifici (con l'unica eccezione per eventuali appartenenti al Clero o alle forze armate).


Alcuni esempi di intestazione

Più formali

Invitata single: Gentilissima Federica Gibelli

Invitato single: Gentilissimo Luca Vertesi

Coppia di coniugi: Gentilissimi Tiziano e Anna Scalzi

Invitato/a non sposato/a, di cui non si conosce il nome del compagno/a:

Gentilissimo Signor Marco Serra e Signora Intera famiglia, inclusi tutti i figli: Gentilissima Famiglia Giorgi oppure

Gentilissimi Vittorio, Carla, Lucia e Fabio Giorgi


Informali

Amico o familiare stretto, single: Federico (Bezzi)

Coppia di amici sposati: Stefano e Silvia (Giusti)

Coppia di amici conviventi: Davide Mori e Arianna Livolsi

Intera famiglia, inclusi i figli: Famiglia Maggi


Buona norma è considerare sempre un invito per ciascun nucleo familiare; significa, dunque, che se il figlio/a adulto di una coppia vive in un'altra casa rispetto a quella dei genitori, sarà necessario predisporre una partecipazione con busta dedicata.

Nel caso, invece, di una coppia di amici non conviventi, potrete optare anche per un solo invito intestato a entrambi, da consegnare a mano a uno dei due; qualora fosse necessario spedirli, allora dovrete realizzarne due, indirizzandoli specificatamente all'uno e all'altro.


Spero che questo post sia stato utile.

Se volete saperne di più, potete iscrivervi alla Newsletter di MOMO WED per ricevere in regalo la Guida completa ai Coordinati Grafici, con altri preziosi consigli e suggerimenti. Per realizzare insieme le vostre partecipazioni o richiedere il nuovo Catalogo, invece, trovate qui tutte le info!

49 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page